Paradisone nasce nel 1988 da un’idea nata da Attilio, insieme a sua sorella Laura e a papà Giancarlo che acquistarono un terreno nel Montalcino, in Toscana. Un’impresa per lui, residente in Lombardia, mossa dalla passione. Grazie ai consigli iniziali di un amico di famiglia con un podere nelle vicinanze, ai vicini esperti contadini e viticoltori da generazioni, e, in seguito grazie all’insostituibile collaborazione di Carlo Corsi, uomo sul campo e alla consulenza dell’enologo Federico Donini ecco il primo successo: il Rosso di Montalcino “colle degli Angeli” del 2006 a cui ha fatto seguito la messa in commercio nel 2012 del Brunello 2007. Paradisone è un’azienda agricola tra le più piccole del territorio del Montalcino con 2 ettari coltivati a vigna: una dimensione che permette di gestire le piante in maniera totalmente manuale ed estremamente personalizzata, con pratiche di coltivazione adattate con tempestività alle condizioni climatiche, evitando così interventi tardivi o insufficienti e con la certezza della massima cura che solo personale proprio sa garantire. Lavorando manualmente, l’azienda riesce a tarare gli interventi in modo differente nei cinque diversi appezzamenti che costituiscono il proprio patrimonio viticolo, differenziandoli anche da filare a filare. Le uve raccolte a ogni vendemmia e la loro qualità sono il risultato di queste pratiche. La vendemmia infatti avviene  passando in vigna a più riprese con lo scopo di cogliere solo i grappoli perfettamente maturi e  innanzitutto la primissima scelta e poi la prima scelta. Non esiste la seconda scelta visto che la resa di raccolta non supera mai i 50 quintali per ettaro.
Qui vengono prodotti quattro differenti vini fiore e solo dopo la svinatura si decide come procedere alla formazione delle masse per l’invecchiamento unendo i vini fiore in base ai migliori per l’annata destinandoli con oculate scelte in parte a botti piccole e in parte in botti grandi. In cantina verrà dedicato ad ogni operazione il tempo necessario per le corrette fasi di lavorazione del vino evitando il più possibile manipolazioni che possano ridurne la tipicità salvaguardando così la qualità della limitata produzione.

35,70

Uve: Sangiovese grosso in purezza Anno: 2011 Gradazione alcolica: 15% Formato: 75 cl

39,20

Uve:   Sangiovese grosso in purezza Anno:  2012 Gradazione alcolica:  14,80% Formato: 75 cl

21,80

Uve: Merlot Anno: 2010 Gradazione alcolica: 14% Formato: 75 cl

17,50

Uve: Sangiovese grosso 70% Merlot 30% Anno: 2009 Gradazione alcolica: 14% Formato: 75 cl

18,20

Uve: Sangiovese grosso in purezza Anno: 2015 Gradazione alcolica: 14,80% Formato: 75 cl